Macrocircolan

macrocircolan
34,50 €

Formato: 60 capsule
Posologia: 3 capsule al giorno
Utilizzo: Stasi venosa, vene varicose, ritenzione idrica, gambe pesanti, emorroidi.
Descrizione: Macrocircolan tonifica le vene, favorisce il ritorno venoso, il drenaggio linfatico e l’elasticità dei tessuti di vasi sanguigni e capillari. Pertanto è consigliato in tutte quelle situazioni in cui è compromessa la circolazione venosa periferica.

Quantità
In stock

Prodotto indicato per:

Stasi venosa e vene varicose (o varici)

Un lavoro sedentario o statico (soprattutto se si sta molte ore in piedi) può sfavorire il ritorno venoso del sangue verso il cuore. Ciò può portare ad un rallentamento del flusso venoso e quindi ad un accumulo di sangue negli arti inferiori provocando gonfiore e/o dolore. Quando la circolazione venosa è da tempo compromessa si possono formare le vene varicose (vene che hanno perso tono ed elasticità e che quindi rischiano di rompersi). In entrambi i casi l’assunzione di Macrocircolan favorisce il ritorno del sangue al cuore e la tonicità dei vasi in quanto contiene principi attivi che con azione sinergica agiscono drenando i liquidi in eccesso, riducendo la permeabilità dei tessuti, aumentando la vasocostrizione e favorendo il riassorbimento di ematomi. In particolare la bromelina (enzima contenuto nel gambo dell’ananas) ha la capacità di sciogliere le placche arteriosclerotiche ostacolando così la formazione dei trombi.

Ritenzione idrica e gambe pesanti

Macrocircolan può essere utilizzato in abbinamento sinergico con Biodren 2 (in caso di grave stasi linfatica tipo gambe elefantiniche) o con Biodren Extra 1 (in caso di stasi linfatica lieve) in quanto potenzia l’azione drenante favorendo il ritorno venoso del sangue e dei liquidi.

Emorroidi

Si tratta di un ingrossamento anomalo delle vene emorroidali presenti nel retto che possono aumentare di volume ostacolando l’evacuazione e provocando forte dolore oppure addirittura rompersi con conseguente sanguinamento. Il Macrocircolan aiuta il fisiologico riassorbimento del sangue stagnante e grazie alla sua azione astringente fa in modo che le vene si sgonfino ritornando alla condizione originale. Inoltre grazie ai principi attivi dell’ippocastano, della vite rossa e della centella contenuti nel prodotto, Macrocircolan è in grado di far diminuire il sanguinamento e favorire la cicatrizzazione delle vene. In caso di emorroidi ricorrenti consigliamo una depurazione del fegato che spesso può essere la causa dell’infiammazione delle vene emorroidali assumendo insieme al Macrocircolan i nostri prodotti specifici per la depurazione epatica: Rafano nero (in caso di fegato intossicato associato a colite), Aloe con Boldo (in caso di fegato intossicato con bile densa) o Epatos 2 (in caso di forte intossicazione epatica).

Componenti Attivi:

Apporto componenti attivi
Contenuto per capsula
Metil sulfonilmetano polvere 165mg
Ippocastano
Estratto secco titolato al 15% di escina
80mg
12mg
Bromelina 5775mg
Diosmina 55mg
Gramigna estratto E/D:1/4 50mg
Esperidina complex 90% 45mg estratto
40.9mg esperidina
Vite rossa
Estratto secco titolato al 5% in polifenoli
30mg
1.5mg
Meliloto
Estratto secco titolato al 20% in cumarine
30mg
6mg
Centella asiatica
Estratto secco titolato al 40% asiaticoside
30mg
12mg


Ippocastano: I semi e la corteccia dell’ippocastano contengono saponine, la cui miscela è chiamata escina. L’escina in particolare rappresenta il principio attivo più importante e insieme ai flavonoidi, sostanze universalmente note per le loro proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e vasoprotettive, conferisce alla pianta proprietà antiedemigena evasocostrittrice. Infatti, questo prezioso principio attivo è in grado di ridurre l'attività dell'elastasi e della ialuronidasi, due enzimi che attaccano l'endotelio dei vasi e la matrice extracellulare, indebolendone la struttura. Riducendo l'attività di questi enzimi, i vasi riacquistano la normale resistenza e permeabilità.

Bromelina: La bromelina è un enzima proteolitico, cioè in grado di degradare proteine in aminoacidi. Il nome di questa sostanza deriva daBromeliaceae, termine con cui è indicata la famiglia botanicadell'ananas. La Bromelina è utilizzata anche per migliorare la circolazione e iltrofismo cutaneo, in quanto svolge un'azione antitrombotica, perché in grado solubilizzare le placche arterosclerotiche, ostacolando così la formazione di trombi all'interno dei vasi sanguigni. Per questa ragione si rivela utile in presenza di vene varicose e nei disturbi del sistema circolatorio.  Questa sostanza è inoltre impiegata come antiedemigeno, particolarmente efficace nel trattamento delle infiammazioni localizzate dei tessuti molli associate a traumi, nelle reazioni tissutali postoperatorie e in presenza di edemi o cellulite(lipodistrofia localizzata), ecchimosi ed ematomi in quanto accelera il riassorbimento degli stravasi emorragici.  La sicurezza dell'impiego della bromelina rispetto ad altri farmaci antiinfiammatori deriva dalla differenza nel suo meccanismo di azione: infatti, laddove i classici FANS inibiscono la cicloossigenasi, bloccando la sintesi di prostaglandine, la bromelina invece incrementa la produzione di prostaglandine ad attività antiinfiammatoria a discapito di quelle ad attività pro-infiammatoria, evitando così il danno gastrointestinale tipico di questa categoria di farmaci.

Diosmina: La diosmina, ramnoglucoside della diosmetina, appartenente alla famiglia dei flavonoidi. I flavonoidi sono sostanze con struttura polifenolica, prodotti in diversi processi metabolici dalle piante. I flavonoidi sono anche identificati come vitamina P. In natura la diosmina è presente nei frutti del genere Citrus (arance, limoni, pompelmi), nelle infiorescenze della Ruta (Ruta graveolens) e nelle foglie del Bucco (Agathosma betulina o Barosna betulina). La diosmina è un protettivo vascolare con azione venotonica; la sua assunzione determina una costrizione delle vene, un aumento della resistenza dei vasi e una diminuzione della loro permeabilità. La diosmina è indicata principalmente nel trattamento dell’insufficienza venosa cronica, nelle ulcere venose delle gambe, nelle emorroidi e nella sintomatologia prevaricosa.

Gramigna: I rizomi striscianti comunemente chiamati stoloni costituiscono la droga di questa pianta e contengono un poliosio derivato del fruttosio, denominato tricitina, che é il responsabile della spiccata azione diuretica della pianta. Un altro composto, l'agropirene, presente in discreta quantità nella gramigna, esplica una marcata azione antisettica e antinfiammatoria sui reni e le vie urinarie. Per queste sue proprietà, l’azione terapeutica della gramigna trova beneficio in caso di cistite e stati infiammatori delle vie urinarie; nel trattamento di reumatismi, artrosi, artrite e iperuricemia. E’ inoltre indicata contro la cellulite, gli edemi e l’ipertensione, perché determina, nella maggior parte dei soggetti ipertesi trattati, una diminuzione della pressione sia massima che minima.

Esperidina: L'esperidina è un flavonoide contenuto principalmente negli agrumi, in concentrazioni più elevate nella buccia e nelle membrane, e in misura minore nelle verdure a foglia verde.  Nota da tempo perché in grado di ridurre la permeabilità e la fragilità delle pareti capillari, utilizzata come coadiuvante nella cura delle varici e della fragilità capillare, dimostra oggi un'altra importante proprietà: quella di contrastare la micro-infiammazione, causa dell'invecchiamento cellulare.

Meliloto: Le foglie e le sommità fiorite del meliloto contengono flavonoidi,tannini e glucosidi cumarinici, che per idrolisi enzimatica, rilasciano cumarine. Tra queste quella maggiormente rappresentata è il melilotoside, il quale si trasforma poi in cumarina. il cui effetto principale è quello sul drenaggio linfatico. Inoltre la cumarina riduce significativamente la demolizione delle catecolamine, in particolare dell'adrenalina, a livello vasale, con conseguente miglioramento della capacità contrattile dei vasisanguigni. Le catecolamine infatti sono tra i principali vasocostrittori presenti nell'organismo umano.  Inoltre la pianta svolge un'azione vasoprotettiva sulle pareti delle vene, aumentandone la permeabilità, e comportandosi quindi come l'escina. La pianta è perciò indicata nel trattamento dell'insufficienza venosa e linfatica, in presenza di edemi e gonfiori agli arti inferiori, ritenzione idrica, vene varicose, flebiti, gambe pesanti,emorroidi e cellulite.

Vite rossa: I principi attivi contenuti nelle foglie raccolte in autunno, quando assumono sfumature rosseggianti, da cui trae origine il termine "vite rossa", appartengono alla categoria dei polifenoli, in particolare dei bioflavonoidi (antocianidine e proantocianidine), e svolgono un'intensa attività antiossidante e antinfiammatoria. La loro azione più importante è quella tonica e vasoprotettrice, diretta al sistema circolatorio, dove influenzano positivamente la permeabilità vasale, impedendo edemi e gonfiori. La vite rossa perciò è indicata in tutte le forme di vene varicose, flebiti, fragilità capillare, couperose, edemi, emorroidi, cellulite, ritenzione idrica, stasi ematica e pesantezza agli arti inferiori.

Centella asiatica: Le foglie della centella contengono acidi triterpenici (acido asiatico, acido madecassico), olio essenziale, flavonoidi, fitosteroli, tannini, sali minerali e zuccheri, ma soprattutto la presenza disaponine triterpeniche (asiaticoside, acido asiatico e madecassoside), la rendono il rimedio principale per combattere la cellulite. L’assunzione della pianta permette di preservare la struttura e la tonicità delle pareti vasali grazie alla sua attività flebotonica. Infatti, la centella, rinforzando ed elasticizzando le pareti dei vasi sanguigni, favorisce la corretta circolazione periferica ed è quindi indicata per prevenire e trattare varici, riducendo la dilatazione delle vene, la permeabilità capillare e l’edema sottocutaneo. Di conseguenza è utile per curare l'insufficienza venosa e quindi il gonfiore, la pesantezza alle gambe e alle caviglie, che ne derivano, ma anche contrastare il dolore alle vene, i crampi notturni agli arti inferiori, le emorroidi e la microangiopatia causata dal diabete. Questi principi attivi, inoltre, hanno la capacità di stimolare i fibroblasti, nella loro attività di sintesi del collagene, indispensabile per la salute di diversi tessuti, quali il derma, il connettivo e come abbiamo detto le pareti dei vasi sanguigni. 

Prodotti Correlati

4 altri prodotti della stessa categoria: